Disabilitare l’Avvio rapido di Windows 8 in configurazioni multi boot

[17/01/2014 – AGGIORNAMENTO] In seguito all’aggiornamento di Windows dalla versione 8 alla 8.1 l’Avvio Rapido potrebbe venir abilitato automaticamente e senza preavviso o notifica all’utente.

Se avete acquistato o assemblato di recente un PC e avete installato Windows 8 ed altri sistemi operativi dovete prestare particolare attenzione ad una nuova funzionalità dell’ultima versione di Windows, che contribuisce a ridurre i tempi di avvio del sistema e che prende il nome di Avvio rapido (Fast Startup, in inglese). Abilitata di default, l’Avvio rapido presenta tuttavia alcuni spiacevoli inconvenienti (perdita di dati) in presenza di altri sistemi operativi. Vediamo insieme in cosa consiste il problema e come risolverlo.

Cos’è l’Avvio rapido

Come illustrato dettagliatamente in questo post (in inglese) dagli ingegneri di Microsoft, la maggior parte degli utenti preferisce spegnere completamente il computer piuttosto che sospenderlo o ibernarlo, così da risparmiare energia, specialmente con i computer portatili.

I vantaggi della sospensione (salvataggio della sessione nella memoria RAM) e dell’ibernazione (salvataggio della sessione sul disco fisso) consistono nella rapidità con cui viene ripristinata la sessione di lavoro precedente (incluse tutte le finestre aperte) rispetto ad un avvio completo. La differenza cruciale  tra sospensione e ibernazione consiste invece nel fatto che mantenere i dati in RAM richiede energia (si tratta di una memoria volatile), mentre memorizzarli su disco consente di spegnere il computer.

Differenze tra il processo di avvio standard (Windows 7 e precedenti, in alto) e rapido (Windows 8, in basso)

Lo sforzo di coniugare un avvio rapido del sistema con un consumo nullo in fase di non utilizzo ha condotto alla realizzazione di un sistema ibrido, che iberna la sessione di sistema salvando su disco (nel file hiberfile.sys) un sottoinsieme limitato dei dati presenti in memoria (incluso lo stato dei filesystem accessibili) durante una sessione qualsiasi.

Per rendere l’idea possiamo immaginare che venga salvato lo stato della sessione al momento in cui ci vengono chieste le credenziali di accesso, ossia quando tutte le componenti fondamentali di Windows sono state inizializzate: rispetto all’avvio classico si riesce a risparmiare parecchio tempo (dal 30 al 70% secondo le stime di Microsoft)  avendo meno dati da scrivere su disco all’arresto e da leggere l’avvio successivo.

Effetti collaterali dell’Avvio rapido

Questa immagine del sistema salva anche diverse informazioni inerenti lo stato delle partizioni di tipo FAT e NTFS montate (altre partizioni del disco, unità USB, …) e le ripristina all’avvio successivo.

Il problema nasce da eventuali inconsistenze tra lo stato effettivo delle partizioni in questione e quello ricavato dall’immagine del sistema: in pratica, se nel frattempo (tra un arresto di Windows 8 e l’avvio successivo) altri sistemi operativi scrivono dei file in quelle partizioni c’è il serio rischio che Windows stesso non li “riconosca” correttamente e – nel tentativo di ripristinare uno stato corretto e coerente del filesystem – finisca col causarne la perdita. In questo articolo (in inglese) si illustra come sia facile riprodurre una corruzione ed eventuale perdita di dati in uno scenario simile a quello appena illustrato.

Sebbene – nell’ambito Linux – siano state sviluppate delle soluzioni che consentono di rilevare se l’Avvio rapido sia abilitato e – in tal caso – di accedere alle relativi partizioni in modalità sola lettura, in modo da garantire la consistenza appena citata e prevenire così la perdita di dati, tali soluzioni non sono ancora disponibili nelle principali distribuzioni. In attesa che ciò accada è utile – se avete una configurazione con altri sistemi operativi installati oltre a Windows 8 – disabilitare tale funzionalità: fortunatamente si tratta di un’operazione molto semplice e alla portata di tutti.

Disabilitare l’Avvio rapido

Ecco la procedura per disabilitare l’Avvio rapido:

  1. dalla schermata Start spostate il puntatore nell’angolo in basso a sinistra e fate clic con il tasto destro del mouse (v. figura 1);
  2. selezionate la voce Pannello di controllo e digitate nella casella di ricerca in alto a destra ali (le prime tre lettere della parola alimentazione);
  3. selezionate la voce Cambia comportamento dei pulsanti di alimentazione (v. figura 2);
  4. nella nuova finestra fate clic su Modifica le impostazioni attualmente non disponibili (v. figura 3);
  5. in basso togliete il segno di spunta all’opzione Attiva avvio rapido (scelta consigliata) (v. figura 4).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

5 pensieri riguardo “Disabilitare l’Avvio rapido di Windows 8 in configurazioni multi boot

  1. FInalmente ho trovato la risposta al mio problema! Io il mio sistema dual boot (gestito da bios non da bootloader) e’ windows 7 + windows 8 (due dischi separati). Il problema e’ che all’avvio di 7 ricevo questo messaggio di controllo coerenza, ho disabilito du win8 il fast startup, ma 7 ha continuato a darmi l’errore di controllo coerenza (solo sul disco in cui c’e’ win 8). Armato di coraggio, ho lasciato effettuare il controllo coerenza (in precedenza non lo avevo mai fatto), e sembra che ora riesco a passare da 7 a 8 e viceversa senza errori di coerenza. Pero’ quello che mi ha allarmato e’ la possibilita’ che si abbiano perdita di dati… Per caso sa spiegarmi a che livello si avrebbe la perdita di dati…?

    1. Come accennato nell’articolo, la perdita di dati avviene a livello del filesystem, che identifica il modo in cui il sistema rappresenta internamente la struttura di file e cartelle, e dovrebbe riguardare i soli file modificati tra due sessioni di Windows 8.

      Il controllo di coerenza di Windows riesce a ripristinare uno stato consistente del filesystem, ma qualora non riesca a ripristinare i file danneggiati li elimina. Ciò non implica che i file in questione siano persi per sempre: sul disco ne resta traccia fintanto che lo spazio da loro occupato non viene sovrascritto da altri dati.

      Per questa ragione è possibile – intervenendo tempestivamente – recuperare gli eventuali file cancellati grazie ad applicazioni gratuite come ‘EaseUS Data Recovery Wizard Free’ o ‘Recuva’. Vale la pena sottolineare che il recupero dati è un’operazione per la quale il tempismo è cruciale: le probabilità di successo, che dipendono dal fatto che i file da recuperare non siano stati sovrascritti, diminuiscono drasticamente con il passare del tempo.

      1. In sostanza questo vuol dire che non e’ consigliabile installare in un sistema windows 7 e windows 8 per non rischiare la perdita dei dati…

        Ma questa perdita potrebbe occorrere solo nel sistema windows 8 o anche in win7?

        1. Fintanto che si ha l’accortezza di disabilitare l’Avvio rapido non vi è alcuna controindicazione ad installare altri sistemi operativi a fianco di Windows 8 (parlo per esperienza).

          I file a rischio corruzione/perdita sono quelli creati ex-novo tra due sessioni successive di Windows 8 (quindi da qualsiasi altro sistema operativo tu abbia avviato nel frattempo): come illustrato nel post, all’arresto viene scattata una sorta di fotografia dei contenuti del disco e – all’avvio successivo – ci si aspetta che i contenuti corrispondano a quelli fotografati.

          In caso contrario si tenta di ripristinare lo stato descritto dalla fotografia, con le conseguenze del caso: i file creati al di fuori di Windows 8 vengono considerati “elementi estranei”.

  2. Grazie. Finalmente ho capito cos’era che creava problemi nel mio pc con Windows 8 e 7 . In alcuni negozi di informatica mi avevano detto addirittura che avevo il disco difettoso e che andava sostituito.
    Tra tanti articoli inutili nel web ogni tanto qualcuno ti spiega veramente le cose .
    GRAZIE !!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...