Guida alle novità di GNOME 3.8

L’ultima versione dell’ambiente desktop GNOME, il cui rilascio è previsto per la fine di marzo, introduce numerose novità, alcune di immediato impatto e altre che risolvono dettagli (apparentemente) minori. Nel complesso si tratta di un importante e deciso passo in avanti, che migliora l’esperienza utente e lascia intravedere le potenzialità di GNOME 3, pur non tradendone i principi ispiratori, che tanti plausi ma anche critiche gli hanno fatto ricevere.

In questo post vengono passate in rassegna le novità più interessanti o rilevanti di GNOME 3.8; si rimandano a post successivi quelle riguardanti le singole applicazioni dell’ambiente GNOME, alcune delle quali non particolarmente note, e la rinnovata modalità classica, che strizza l’occhio agli ambienti desktop più tradizionalisti.

N.B.: le informazioni e le immagini riportate di seguito si riferiscono alla versione 3.7.90 e verranno aggiornate qualora la versione finale presenti novità rilevanti.

Scrivania

Menu contestuali. La scrivania di GNOME Shell non presenta particolari novità sul piano estetico o funzionale, ma acquisisce un semplice menu contestuale, accessibile facendo clic con il tasto destro su un punto vuoto della scrivania, che permette di modificare lo sfondo (Change Background…) o accedere alle impostazioni di sistema (System Settings). Se avete configurato la scrivania per essere gestita come una cartella, il menu contestuale contiene i comandi classici di GNOME Files (ex Nautilus).

Menu contestuale della scrivania | GNOME 3.8
Menu contestuale della scrivania | GNOME 3.8

Barra delle notifiche. Si segnalano invece interessanti novità per quanto concerne la barra di notifica, accessibile spostando il puntatore del mouse sul bordo inferiore dello schermo o premendo la combinazione di tasti Super+M: l’assenza di messaggi di notifica è ora indicata esplicitamente con un messaggio visibile nella zona centrale (No Messagges) mentre – con un clic destro del mouse su un’area vuota della barra di notifica – si accede ad un menu contestuale, che consente di eliminare in un colpo solo tutti i messaggi di notifica presenti (Clear Messages) e di accedere al pannello di configurazione delle notifiche (Notification Settings).

Menu contestuale dell'area di notifica | GNOME 3.8
Menu contestuale dell’area di notifica | GNOME 3.8

Impostazioni di sistema

La maggior parte delle finestre relative alle impostazioni di sistema hanno subito un restyling, che conferisce una maggiore coerenza e in svariati casi rimette ordine, mostrando solo le opzioni più importanti e rendendo facilmente accessibili – a chi lo desiderasse – quelle avanzate. Di seguito vediamo le sezioni che fanno la loro comparsa in GNOME 3.8 o hanno subito aggiornamenti sostanziali dal punto di vista funzionale.

Notifiche. Il pannello di configurazione delle notifiche fa il suo esordio in GNOME 3.8 e permette di modificare in modo granulare il comportamento del sistema di notifiche.

Abilitare globalmente le notifiche a comparsa (Show Pop Up Banners)
Mostra o nasconde tutte le notifiche.
Mostrare le notifiche nella schermata di blocco (Show in Lock Screen)
Presente ma disabilitata in GNOME 3.6 (per attivarla consultare il post dedicato), mostra o nasconde le notifiche nella schermata visualizzata quando il sistema è bloccato.
Impostazioni di notifica per applicazione
Permette di configurare le impostazioni di notifica separatamente per ciascuna applicazione, facendo clic sul nome corrispondente.
Impostazioni > Notifiche | GNOME 3.8
Impostazioni > Notifiche | GNOME 3.8

Privacy. La sezione Privacy delle impostazioni di sistema consente di gestire la raccolta e la visualizzazione di informazioni delicate (Name & Visibility, Usage & History), la personalizzazione della schermata di blocco (Screen Lock) e l’eliminazione dei file temporanei e nel cestino (Purge Trash & Temporary Files).

Impostazioni > Privacy | GNOME 3.8
Impostazioni > Privacy | GNOME 3.8

Ricerca. A partire da GNOME 3.8 la modalità anteprima include nei risultati di ricerca non solo le applicazioni e le impostazioni di sistema, ma anche i file, risparmiandoci la necessità di avviare l’applicazione Files (ex Nautilus), in cui – per inciso – funziona finalmente la ricerca ricorsiva (cerca i file nella cartella corrente e nelle relative sottocartelle). La ricerca si basa sullo strumento di indicizzazione Tracker: all’utente non resta che scegliere le applicazioni e le cartelle da includere nella ricerca (la cartelle del profilo sono incluse automaticamente: facendo clic sull’icona a forma di ingranaggio in basse a destra è possibile modificare tale scelta o aggiungere altre cartelle a piacimento).

Cronologia account. Gli amministratori di un sistema possono consultare facilmente la cronologia delle sessioni di un utente facendo clic sul pulsante History: nella relativa schermata viene mostrata la data e l’ora di ogni accesso e uscita.

Impostazioni > Cronologia sessione | GNOME 3.8
Impostazioni > Cronologia sessione | GNOME 3.8

Anteprima attività

L’anteprima attività – raggiungibile premendo il pulsante Super della tastiera (in genere raffigurante l’icona di Windows) – presenta diverse novità interessanti: si nota immediatamente come la barra delle notifiche non sia più visualizzata automaticamente, ma venga mostrato un avviso testuale nella parte inferiore dello schermo se sono presenti dei messaggi.

Tasti hardware. Un altro piccolo ma fastidioso problema risolto riguarda l’utilizzo dei cosiddetti tasti hardware, ossia quei comandi da tastiera per modificare il volume, catturare una schermata, lanciare un’applicazione, interrompere la riproduzione di un contenuto multimediale, …: buona parte di questi ora funzionano anche nella modalità anteprima.

Lista applicazioni | GNOME 3.8
Lista applicazioni | GNOME 3.8

Fuori le categorie…. Le applicazioni installate non sono più suddivise nelle categorie classiche (Ufficio, Sistema, …), la cui eliminazione rappresenta una scelta apparentemente azzardata, sia per gli utenti di lungo corso sia (forse) per i neofiti. Si tratta di un cambiamento radicale, che in un sistema ricco di applicazioni installate può rendere potenzialmente problematico individuare quella di cui magari non si ricorda il nome ma solo la categoria di appartenenza.

… dentro i gruppi di applicazioni. A colmare tale lacuna contribuiscono i gruppi di applicazioni (AppFolder), un meccanismo analogo a quelli presenti nei sistemi operativi mobili per raggruppare liberamente le applicazioni in cartelle virtuali. A pensarci bene, si tratta di una scelta tutto sommato logica, dal momento che ciascuno di noi ha un modo di pensare differente, che lo porta ad organizzare e classificare mentalmente le applicazioni in modo diverso: risulta quindi difficile individuare un insieme di categorie che risulti intuitivo per tutti. Al momento per creare un gruppo di applicazioni occorre utilizzare l’editor di configurazione.

Lanciare le applicazioni. Ad affiancare la lista completa delle applicazioni installate, è presente una modalità di visualizzazione che mostra le applicazioni utilizzate più di frequente: da osservare come il sistema ricordi l’ultima modalità di visualizzazione scelta. A prescindere dalla visualizzazione utilizzata è possibile lanciare diverse applicazioni senza lasciare la modalità anteprima mantenendo premuto il pulsante Ctrl mentre fate clic con il tasto sinistro del mouse sull’icona di ciascuna applicazione.

Ricerca di applicazioni. Le novità precedenti potrebbero risultare scarsamente interessanti a chi è abituato a sfruttare la casella di ricerca per individuare e lanciare un’applicazione. Anche in questo frangente, tuttavia, GNOME 3.8 reca interessanti novità: i risultati della ricerca sono stati riorganizzati in modo da mostrare in cima la lista delle applicazioni e – nello spazio rimanente – gli altri risultati, raggruppati secondo l’applicazione predefinita associata (un clic sul risultato ne determina l’apertura con l’applicazione corrispondente); la scelta di mostrarli uno per riga lascia qualche dubbio, considerato lo spazio orizzontale a disposizione.

Ricerca applicazioni e file | GNOME 3.8
Ricerca applicazioni e file | GNOME 3.8

Ricerca delle applicazioni mediante parole chiave

A partire da GNOME 3.6 alle applicazioni sono associate delle parole chiave, che possono essere impiegate come termini di ricerca per individuare un’applicazione non solo sulla base del nome, ma anche di parole in qualche modo attinenti o che ne richiamino le funzionalità (ad esempio il client Transmission si trova anche cercando la parola torrent, l’editor Gedit cercando la parola testo). Provare per credere.

Gestione delle finestre

Anteprima delle applicazioni | GNOME 3.8
Anteprima delle applicazioni | GNOME 3.8

La gestione delle finestre e degli spazi di lavoro ha subito alcuni ritocchi piccoli ma decisivi: innanzi tutto le anteprime delle applicazioni ora hanno dimensioni proporzionali a quelle originali delle finestre, il che ne facilita il riconoscimento ad una prima occhiata.

Infine il comportamento della rotella centrale del mouse è stato uniformato e permette di spostarsi agevolmente tra gli spazi di lavoro, non solo quando il puntatore si trova nel pannello laterale destro (dedicato agli spazi di lavoro), ma anche nella zona centrale (ospitante le anteprime delle finestre): in precedenza infatti alla rotella del mouse era associato l’ingrandimento delle anteprime delle finestre.

In conclusione una piccola chicca: allo spegnimento del sistema viene visualizzata la lista degli utenti attualmente attivi. In questo modo si riduce il rischio di arrestare il sistema mentre altri utenti sono collegati e di causare magari la perdita dei dati su cui stanno lavorando.

Arresto del sistema | GNOME 3.8
Arresto del sistema | GNOME 3.8

Annunci

2 pensieri riguardo “Guida alle novità di GNOME 3.8

    1. Per visualizzare le cartelle sul desktop ti conviene per prima cosa installare GNOME Tweak Tool lanciando da terminale il seguente comando: sudo apt-get install gnome-tweak-tool.

      A questo punto cerca tra le applicazioni Strumento di personalizzazione (o gnome-tweak-tool) e aprila. Nella nuova finestra seleziona Scrivania dal menu a sinistra e compariranno una serie di opzioni per mostrare le icone sul desktop (la principale è Icone sulla scrivania, che permette di abilitare o meno tale funzionalità).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...