Rimuovere un’applicazione installata manualmente su Ubuntu (e altre derivate Debian)

Uno dei punti di forza dell’ecosistema delle distribuzioni Linux consiste nella facilità di installazione e aggiornamento di una moltitudine di applicazioni accessibili mediante i gestori dei pacchetti: nella maggior parte dei casi non occorre andarsi a scaricare il programma dal relativo sito ufficiale, sperando che sia provvisto di meccanismi di aggiornamento automatico, ma l’intero processo è gestito dal sistema operativo. Per farsi un’idea, la distribuzione Debian (da cui deriva e attinge Ubuntu) conta circa 40.000 pacchetti, tra componenti di sistema e applicazioni di terze parti.

Ci sono comunque dei casi in cui l’applicazione dev’essere scaricata e installata manualmente (ad esempio Ubuntu Tweak): come fare tuttavia a disinstallarlo in caso di bisogno? Se cercate la risposta a questa domanda, non vi resta che proseguire nella lettura.

1. Installare un gestore di pacchetti avanzato. Il primo passo consiste nell’installare il gestore di pacchetti Synaptic, che offre un’interfaccia meno amichevole rispetto all’Ubuntu Software Center ma – come vedremo – alcuni notevoli vantaggi, che semplificano la gestione delle applicazioni installate, particolarmente se si ricorre a repository di terze parti per ottenere versioni più aggiornate delle proprie applicazioni.

Pacchetto Synaptic di Ubuntu Software Center
Pacchetto Synaptic | Ubuntu Software Center

Per installare Synaptic cercare il pacchetto omonimo nell’Ubuntu Software Center o eseguire da terminale il seguente comando:

sudo apt-get install synaptic

2. Aprire il gestore pacchetti. A questo punto cercate il Gestore pacchetti tra le applicazioni installate e avviatelo: considerata la delicatezza delle operazioni eseguite, dovete disporre dei privilegi di un account amministratore e si raccomanda inoltre di usare molta cautela, per evitare di compromettere la stabilità o l’integrità del sistema.

Finestra principale del gestore pacchetti Synaptic
Gestore pacchetti Synaptic

La finestra principale è suddivisa in cinque aree:

  1. in alto la barra degli strumenti, che include una comoda casella di ricerca;
  2. a sinistra in cima la lista delle categorie di pacchetti disponibili;
  3. a sinistra in basso i criteri di raggruppamento dei pacchetti (ci tornerà assai utile tra un istante);
  4. a destra in alto l’elenco dei pacchetti contenuti nel repository selezionato (la voce Tutti a sinistra mostra la lista di tutti i pacchetti disponibili);
  5. a destra in basso la descrizione del pacchetto selezionato.
Sezione 'Origine' del gestore pacchetti Synaptic
Origine | Gestore pacchetti Synaptic

3. Individuare le applicazioni installate manualmente. Per individuare e gestire le applicazioni installate manualmente è sufficiente fare clic in basso a sinistra sul pulsante Origine: in alto comparirà la lista dei repository disponibili sul sistema, inclusi quelli di terze parti aggiunti dall’utente. In cima alla lista selezionate la voce Locale e vedrete elencati a destra tutti e soli i pacchetti installati manualmente dall’utente.

4. Rimuovere un’applicazione installata manualmente. Per disinstallare un’applicazione è sufficiente individuare il pacchetto corrispondente: nella maggior parte dei casi non è difficile, dal momento che i nomi sono assai simili. A questo punto è sufficiente fare clic con il tasto destro del mouse e selezionare Rimuovi completamente.

Pacchetti locali nel gestore pacchetti Synaptic
Pacchetti locali | Gestore pacchetti Synaptic
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...